Approfondimenti

Formazione partecipativa

132
text
(a cura Salvatore Patera)

Ricerca, Educazione, Azione rappresentano i fondamenti del "modello partecipativo" nato negli anni '50 del secolo scorso a partire dall'esperienza paradigmatica del gruppo di ricerca "IAP"  - Investigaciòn-Acciòn-Participativa - (Quintana Cabanas, 1986).

Pur tra differenti riferimenti epistemologici e metodologici, dalla metà degli anni '80 tale visione culturale si è poi diffusa in Europa  nell'ambito dell'educazione degli adulti.

La formazione partecipata propone una netta rottura rispetto ai tradizionali criteri teorici e metodologici sinottico-razionali e auto-referenziali, restituendo centralità alle persone portatrici di bisogni e competenze insieme alle quali realizzare una processo di emancipazione in grado di promuovere consapevolezza nei  processi di apprendimento e nelle pratiche di cambiamento (Freire, 1973).

In vista di assicurare il successo dell'intervento, il criterio di fondo della formazione partecipata risiede nel favorire la co-progettazione e co-valutazione degli interventi formativi includendo gli stakeholder nei processi di produzione di conoscenza e di presa di decisione (consultivi-deliberativi). In particolare, nella progettazione - realizzazione - valutazione di interventi formativi, l'attenzione è rivolta a modelli partecipati che vanno nella direzione della democratizzazione e della governance dei processi decisionali a partire da criteri e procedure condivise (House, 2006). In questa direzione, il docente assume il ruolo di facilitatore e monitore dei processi di apprendimento.

Nella formazione partecipata assume centralità il valore conoscitivo che proviene dal contesto acquisito dai docenti quale momento di esplicitazioni di conoscenze dichiarative e procedurali per i formandi (learning evaluation) nonché garanzia di un efficace e coerente progettazione/valutazione formativa. In questa prospettiva  vengono quindi messi al centro processi di auto-apprendimento e apprendimento collaborativo/cooperativo tra formandi/docenti valorizzando la corresponsabilità nella progettazione - realizzazione - valutazione delle attività formative (Bochicchio, Di Viaggiano, 2012).

Da questo punto di vista gli stakeholder definiscono l'oggetto di valutazione e le modalità di co-progettazione, maturando una visione condivisa relativa al funzionamento delle attività formative nonché ai guadagni formativi che da esso ne derivano, ricadute, impatti attesi, risultati (Torrigiani, 2010).

La coproduzione e condivisione di significati e pratiche produce apprendimento in un processo circolare e riflessivo migliorando l'intervento formativo e dandone consapevolezza in una logica di empowerment, ai soggetti coinvolti (Colazzo, 2008).

Nelle attività di formazione, il formando è riconosciuto come il soggetto titolato a giudicare la qualità del servizio, a riconoscere gli effetti prodotti dall'intervento aumentando la domanda di valutazione e di progettazione finalizzata a meglio governare l'incertezza che caratterizza contesti sociali complessi.

Dal punto di vista metodologico si tratta di definire criteri e modelli coerenti, corretti e trasparenti per co-progettare e co-valutare tali interventi formativi. Il rigore metodologico è garantito all'interno di una prospettiva definita di "costruttivismo temperato", rispetto alla quale, i processi partecipativi e di costruzione sociale devono comunque svolgersi all'interno di criteri metodologici certi. In tal senso, la formazione partecipata è accompagnata da un disegno di ricerca a finalità valutativa. Tale attività di ricerca si riferiscono al fatto che le attività di progettazione e realizzazione dell'intervento formativo possano valutarsi tramite conoscenza prodotta processualmente a partire dai punti di vista di cui sono portatori i differenti soggetti coinvolti - committenti, docenti, formandi, stakeholder locali - (Palumbo, 2001).


Riferimenti bibliografici

Quintana Cabanas, J. M. (a cura di) (1986) Investigaciòn Partecipativa, Educaciòn de Adultos. Madrid: Narcea.

Freire, P. (1973) L'educazione come pratica di libertà, Milano: Mondadori.

House, E.R. & Howe, K. R. (1999) Values in evaluation and social research,  Thousand Oaks, CA: Sage

Bochicchio, F. Di Viaggiano, P. L.. (2012)  La formazione partecipata, Milano: Guerini Associati.

Torrigiani, C. (2010) Valutare per apprendere. Capitale sociale e Teoria del programma, Milano: Franco Angeli.

Colazzo, S. (a cura di), (2008) Progettazione e valutazione dell'intervento formativo, Milano: McGraw-Hill.

Palumbo, M. (2001) Il processo di valutazione. Programmare, decidere, valutare, Milano: Franco Angeli.


Per l'approfondimento e la ricerca

AA.VV., (2005) Dalla scienza pedagogica alla clinica della formazione. Sul pensiero e l'opera di Riccardo Massa, Milano:  Franco Angeli

Barbier, J.M. (1989) La valutazione nel processo formativo, Torino; Loescher

Giroux, H. (1995) Culture, power and transformation in the work of Paulo Freire, in F. Schultz (Ed.), Notable selections in education, New York: McGraw Hill 

Friedmann, J. (1992). Empowerment. The Politics of Alternative Development, Cambridge: Blackwell

Minkler, M. Wallerstein, N., (2008) Introduction to community-based Participatory research in Minkler, M. Wallerstein, N. (eds.) Community-based Participatory research from process to outcomes, San Francisco: John Wiley and Sons


Risorse on line

Numerosi approfondimenti sul nesso formazione-valutazione sono disponibili sul sito http://www.paulofreire.org dove sono ospitati studi, ricerche, riflessioni, progetti affini ai temi trattati in questa scheda. Alcuni spunti interessanti sono reperibili sulla versione italiana del sito dedicato a Paulo Freire: http://www.paulofreire.it/.

Sui temi più specificamente legati al nesso valutazione-partecipazione il sito dell'Istituto Italiano di Valutazione offre numerosi contributi utili: http://www.valutare.org/.
null
null
2

Editrice La Scuola © Tutti i diritti riservati

Informazione sulla presenza di Cookies*

A-Definizioni
La maggior parte dei siti utilizzano "cookie", vale a dire piccoli file di testo memorizzati sul dispositivo, che permettono di operare sul sito e di raccogliere informazioni riguardanti l'attività online.  Il testo all'interno di un cookie spesso prevede una stringa di numeri e lettere che identificano univocamente il computer dell'utente, ma possono anche contenere altre informazioni.
Per default quasi tutti i browser web sono impostati per accettare automaticamente i cookie.
L’articolo 5, paragrafo 3 della direttiva 2002/58/CE**, come modificato dalla direttiva 2009/136/CE, prevede l’esenzione dei cookie dall’obbligo del consenso informato se soddisfano uno dei criteri seguenti:
Criterio A: il cookie è utilizzato “al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica”.
Criterio B: il cookie è “strettamente necessari[o] al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio”.

I cookie sono spesso classificati in base alle loro caratteristiche:
1) “cookie di sessione” o “cookie persistenti”;
2) “cookie di terzi”.
Un “cookie di sessione” è un cookie che viene cancellato automaticamente alla chiusura del browser, mentre un “cookie persistente” è un cookie che rimane archiviato nell’apparecchiatura terminale dell’utente fino alla scadenza prestabilita (che può corrispondere a minuti, giorni o più anni nel futuro).
I siti La Scuola utilizzano cookies di terze parti legate al solo monitoraggio del traffico e cookie di sessione unicamente per i servizi erogati a docenti e studenti in relazione ai contenuti scolastici per consentire il riconoscimento degli accessi realmente autorizzati.
Per approfondimenti rimandiamo alla citata direttiva CE**.

B-Controlli del browser per bloccare o cancellare i cookie.
La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookie, ma permette di modificare le impostazioni del browser per bloccare i cookie. 
Se si accettano i cookie, è possibile eliminarli successivamente.  Le istruzioni per eliminare i cookie in altri browser sono disponibili in ogni informativa sulla privacy del browser.
Se si cancellano i cookie, le impostazioni e preferenze da questi controllati, comprese le preferenze pubblicitarie, verranno cancellate e potrebbe essere necessario ricrearle.
Controlli del browser per la protezione dal monitoraggio.
Alcuni nuovi browser hanno introdotto la funzionalità DNT. Molte di queste funzionalità, se attivate, inviano un segnale o una preferenza ai siti Web visitati indicando che non si vuole essere tracciati.

C-Controlli per la cancellazione dai messaggi pubblicitari.
Dato che i cookie possono essere utilizzati per diversi motivi, gli utenti che non vogliono ricevere messaggi pubblicitari mirati a livello comportamentale possono scegliere di accettare i cookie, ma di annullarne un particolare utilizzo. Le società pubblicitarie online hanno sviluppato linee guida e programmi per facilitare la protezione della privacy degli utenti, in cui sono incluse pagine Web che possono essere visitate per rifiutare esplicitamente la ricezione di annunci pubblicitari mirati da tutte le società partecipanti. Queste pagine includono:

  1. Assistenza Consumatori Digital Advertising Alliance (DAA): http://www.aboutads.info/choices/
  2. Pagina di cancellazione Network Advertising Initiative (NAI):http://www.networkadvertising.org/managing/opt_out.asp
  3. In Europa, è anche possibile visitare Your Online Choices: http://www.youronlinechoices.com/

D-Controlli di analisi terze parti.
Come descritto di seguito in dettaglio, molti siti Web e servizi online di e altre compagnie, utilizzano servizi di analisi terze parti con cookie e Web beacon per compilare statistiche aggregate relative all'efficacia delle campagne promozionali o ad altre operazioni del sito Web.  È possibile rifiutare la raccolta o l'utilizzo dei dati da parte dei provider di analisi facendo clic sui seguenti collegamenti:

  1. Omniture (Adobe): http://www.d1.sc.omtrdc.net/optout.html
  2. Nielsen: http://www.nielsen-online.com/corp.jsp?section=leg_prs&nav=1#Optoutchoices
  3. Coremetrics: http://www.coremetrics.com/company/privacy.php#optout
  4. Visible Measures: http://corp.visiblemeasures.com/viewer-settings
  5. Google Analytics: http://tools.google.com/dlpage/gaoptout (richiede l'installazione di un componente aggiuntivo del browser).

______________________
* Provvedimento del Garante per la Privacy dell’8 maggio 2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 dello scorso 3 giugno http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/3118884

**vedi: http://ec.europa.eu/justice/data-protection/article-29/documentation/opinion-recommendation/files/2012/wp194_it.pdf#h2-8).