Approfondimenti

Epistemologia

155
text

(a cura di Pascal Perillo)


Dal greco, ἐπιστήμη (scienza, sapere, cognizione) e λóγος (parola, ragione, discorso).

Il termine presenta due accezioni fondamentali. Come sinonimo di gnoseologia o di teoria della conoscenza (come nel caso dell'inglese Epistemology) esso si riferisce all'indagine sui metodi e sui fondamenti della conoscenza scientifica. Come sinonimo di filosofia della scienza esso si riferisce all'indagine critica intorno ai contenuti concettuali, alle metodologie e alle implicazioni culturali delle varie scienze.

Si tratta di un discorso metascientifico che può essere fatto risalire alle origini del pensiero occidentale anche se, nella sua accezione attuale, prende forma con le riflessioni filosofiche sulla rivoluzione scientifica nel Seicento.

L'attenzione epistemologica è dunque rivolta alla scienza di cui gli epistemologi studiano i concetti impiegati, i metodi usati, i possibili risultati, la forma degli enunciati e i tipi di logica applicabili: dalla chiarificazione concettuale all'analisi logica delle teorie e dei linguaggi scientifici, alla descrizione (o prescrizione) delle proprietà generali e delle forme caratteristiche della scienza.

Nel secondo dopoguerra l'Epistemologia italiana si è sempre più specializzata configurandosi come modello autonomo di ricerca. Nell'epistemologia moderna è possibile annoverare almeno tre approcci: analitico/formale; storico/descrittivo; naturalizzato.

In pedagogia la riflessione epistemologica si presenta come riflessività radicale esercitata sui fondamenti, sul senso e sulla natura del sapere-agire pedagogico, anche se alla tradizionale riflessione teoretica dal carattere costruttivo e regolativo che il sapere pedagogico compie su se stesso, è possibile affiancare un'indagine riflessiva che si sviluppa nella e sulla prassi delle azioni formative.

Se da un lato, dunque, epistemologia è riflessione sulla conoscenza in senso fondativo e regolativo, da un altro lato epistemologia è riflessione sulla propria conoscenza quale sistema epistemologico assunto per interpretare il mondo. Se per "epistemologia" intendiamo il modo in cui il singolo soggetto o un collettivo costruisce, negozia e usa la conoscenza, è inevitabile che le "posizioni epistemiche" - ossia l'insieme delle prospettive assunte dal singolo e dal collettivo nei processi conoscitivi e il modo in cui la conoscenza è da esso e da essi rappresentata, costruita e decostruita e, quindi, negoziata e trasferita in situazione in termini di "utilizzo" - cambieranno a seconda dei processi di costruzione e decostruzione delle conoscenze che singoli e collettivo attiveranno volta per volta.
 



Cfr. R. Carnap (1966), I fondamenti filosofici della fisica. Introduzione alla filosofia della scienza, Milano: Il Saggiatore .


Cfr.: J.A. Coffa (1991), La tradizione semantica da Kant a Carnap, Bologna: il Mulino 1998; C.G. Hempel (1966), Filosofia delle scienze naturali, Bologna: il Mulino 1980; H. Reichenbach (1951), La nascita della filosofia scientifica, Bologna: il Mulino 1966; Id. (1959), La nuova filosofia della scienza, Milano: Bompiani 1974.


Cfr.: B. Barnes (1974), Conoscenza scientifica e teoria sociologica, Napoli: Liguori 1979; P.K. Feyerabend (1965), I problemi dell'empirismo, Milano: Lampugnani 1971; Id. (1975), Contro il metodo. Abbozzo di una teoria anarchica della conoscenza, Milano: Feltrinelli 1984; T. Kuhn (1962), La struttura delle rivoluzioni scientifiche, Torino: Einaudi 2007; B. Latour (1987), La scienza in azione. Introduzione alla sociologia della sicenza, Torino: Edizioni di Comunità 1998.


Cfr.: R. Gierge (1988), Spiegare la scienza: un approccio cognitivista, Bologna: il Mulino 1996; P. Maddy (2007), Second Philosophy: A Naturalistic Method, New York: Oxford University Press; K. Popper (1934), Logica della scoperta sicentifica, Torino: Einaudi 1970; W.V. Quine (1969), La relatività ontologica e altri saggi, Roma: Armando 1986.

null
null
2

Editrice La Scuola © Tutti i diritti riservati

Informazione sulla presenza di Cookies*

A-Definizioni
La maggior parte dei siti utilizzano "cookie", vale a dire piccoli file di testo memorizzati sul dispositivo, che permettono di operare sul sito e di raccogliere informazioni riguardanti l'attività online.  Il testo all'interno di un cookie spesso prevede una stringa di numeri e lettere che identificano univocamente il computer dell'utente, ma possono anche contenere altre informazioni.
Per default quasi tutti i browser web sono impostati per accettare automaticamente i cookie.
L’articolo 5, paragrafo 3 della direttiva 2002/58/CE**, come modificato dalla direttiva 2009/136/CE, prevede l’esenzione dei cookie dall’obbligo del consenso informato se soddisfano uno dei criteri seguenti:
Criterio A: il cookie è utilizzato “al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica”.
Criterio B: il cookie è “strettamente necessari[o] al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio”.

I cookie sono spesso classificati in base alle loro caratteristiche:
1) “cookie di sessione” o “cookie persistenti”;
2) “cookie di terzi”.
Un “cookie di sessione” è un cookie che viene cancellato automaticamente alla chiusura del browser, mentre un “cookie persistente” è un cookie che rimane archiviato nell’apparecchiatura terminale dell’utente fino alla scadenza prestabilita (che può corrispondere a minuti, giorni o più anni nel futuro).
I siti La Scuola utilizzano cookies di terze parti legate al solo monitoraggio del traffico e cookie di sessione unicamente per i servizi erogati a docenti e studenti in relazione ai contenuti scolastici per consentire il riconoscimento degli accessi realmente autorizzati.
Per approfondimenti rimandiamo alla citata direttiva CE**.

B-Controlli del browser per bloccare o cancellare i cookie.
La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookie, ma permette di modificare le impostazioni del browser per bloccare i cookie. 
Se si accettano i cookie, è possibile eliminarli successivamente.  Le istruzioni per eliminare i cookie in altri browser sono disponibili in ogni informativa sulla privacy del browser.
Se si cancellano i cookie, le impostazioni e preferenze da questi controllati, comprese le preferenze pubblicitarie, verranno cancellate e potrebbe essere necessario ricrearle.
Controlli del browser per la protezione dal monitoraggio.
Alcuni nuovi browser hanno introdotto la funzionalità DNT. Molte di queste funzionalità, se attivate, inviano un segnale o una preferenza ai siti Web visitati indicando che non si vuole essere tracciati.

C-Controlli per la cancellazione dai messaggi pubblicitari.
Dato che i cookie possono essere utilizzati per diversi motivi, gli utenti che non vogliono ricevere messaggi pubblicitari mirati a livello comportamentale possono scegliere di accettare i cookie, ma di annullarne un particolare utilizzo. Le società pubblicitarie online hanno sviluppato linee guida e programmi per facilitare la protezione della privacy degli utenti, in cui sono incluse pagine Web che possono essere visitate per rifiutare esplicitamente la ricezione di annunci pubblicitari mirati da tutte le società partecipanti. Queste pagine includono:

  1. Assistenza Consumatori Digital Advertising Alliance (DAA): http://www.aboutads.info/choices/
  2. Pagina di cancellazione Network Advertising Initiative (NAI):http://www.networkadvertising.org/managing/opt_out.asp
  3. In Europa, è anche possibile visitare Your Online Choices: http://www.youronlinechoices.com/

D-Controlli di analisi terze parti.
Come descritto di seguito in dettaglio, molti siti Web e servizi online di e altre compagnie, utilizzano servizi di analisi terze parti con cookie e Web beacon per compilare statistiche aggregate relative all'efficacia delle campagne promozionali o ad altre operazioni del sito Web.  È possibile rifiutare la raccolta o l'utilizzo dei dati da parte dei provider di analisi facendo clic sui seguenti collegamenti:

  1. Omniture (Adobe): http://www.d1.sc.omtrdc.net/optout.html
  2. Nielsen: http://www.nielsen-online.com/corp.jsp?section=leg_prs&nav=1#Optoutchoices
  3. Coremetrics: http://www.coremetrics.com/company/privacy.php#optout
  4. Visible Measures: http://corp.visiblemeasures.com/viewer-settings
  5. Google Analytics: http://tools.google.com/dlpage/gaoptout (richiede l'installazione di un componente aggiuntivo del browser).

______________________
* Provvedimento del Garante per la Privacy dell’8 maggio 2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 dello scorso 3 giugno http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/3118884

**vedi: http://ec.europa.eu/justice/data-protection/article-29/documentation/opinion-recommendation/files/2012/wp194_it.pdf#h2-8).