Approfondimenti

Formare

156
text

(a cura di Pascal Perillo)


Dal latino fōrmare, la parola rimanda al significato del "dare forma a qualcosa". Riferito a persone e in senso figurativo, formare assume il significato di condurre a maturità di forma o sviluppo mediante una serie di azioni intenzionali (come l'educare e l'istruire) o non intenzionali (come la fruizione dei mass media). Formare qualcuno significa incidere, intenzionalmente o non intenzionalmente, sul suo processo di crescita che, in quanto tale, è globale e costantemente in fieri e caratterizzato da continue rotture e ricostruzioni.

Se nel linguaggio comune l'espressione "essersi formati" significa aver assunto la forma matura o essere cresciuti, in chiave pedagogica essa non può essere letta in termini di compiutezza. Si tratta di una composizione mediante l'unione, vale a dire della configurazione di una forma armonica (come la composizione musicale) frutto dell'unione armoniosa di più facoltà o elementi (l'unione di suoni diversi che concorrono a formare una composizione armoniosa).

Formare e formarsi sono dimensioni univoche di un processo unico e incompiuto: un processo lifelong costantemente legato alle trasformazioni culturali, sociali, politiche ed economiche. Il processo formativo (che unisce il formare al formarsi) è un processo di crescita e di cambiamento costante di cui è protagonista attivo il soggetto-persona nel suo prender forma lungo tutto l'arco della vita, in interazione con l'ambiente, attraverso un gioco dialettico tra soggettività e oggettività. Si tratta di un «processo bio-antropologico [...] che si compie attraverso un intenso scambio dialogico con l'oggettività sociale e culturale».

In quanto "dar forma", l'azione del formare si configura come processo attraverso cui le istituzioni intenzionalmente formative contribuiscono alla crescita culturale degli individui. Il formare non può però prescindere dal processo di auto-formazione (il formarsi), vale a dire che non si può formare senza coinvolgere nel processo intenzionale di formazione l'insieme dei diversi e variegati processi auto-costruttivi attraverso cui il singolo individuo elabora e trasfigura la cultura in maniera personale. Peraltro, se da un lato ogni persona si forma ed è formata, dall'altro lato tale processo non può non avvenire in relazione ad un ambiente, sia esso formale, non formale o informale, che incide, direttamente o indirettamente, sul processo del formare (la formazione).

Letto pedagogicamente in continuità con la paideia classica e con il modello ottocentesco di Bildung, l'azione e il porcesso del formare includono e completano le azioni e i processi dell'educare e dell'istruire. In questo senso, formazione è «processo educativo di massima sintesi, più alto perché più direttamente inerente al soggetto, che viene dopo l'inculturazione [...] e dopo gli apprendimenti [...], anche se reclama entrambi questi due processi per potersi costruire. Nella formazione è il soggetto-persona, con il suo io/sé, con il suo ruolo dinamico nella società che viene messo più in luce, e l'iter che viene a costituirlo: il prender-forma, il formar-si». Il formare e il processo che ne deriva, la formazione, definiscono l'oggetto specifico della ricerca pedagogica e orientano tutta la riflessione teorica sul fatto educativo.  
 



F. Cambi, E. Frauenfelder (a cura di) (1995), La formazione. Studi di pedagogia critica, Milano: Unicopli, p. 22.

«La paideia è formazione di un uomo secondo un'idea che tende a de-storicizzarlo, ad universalizzarlo, a renderlo sintesi vissuta e punto di convergenza di tutto un universo (articolato) di cultura. E i Greci trasmettono alla civiltà occidentale questa idea di uomo modellato su un ideale, che si fa sintesi viva e autonoma del mondo, che coglie il proprio senso e valore in un processo di universalizzazione [...]. La paideia si caratterizza così come processo ideale di un rapporto tra individuo, cultura e mondo (naturale e sociale), ma anche è processo di educazione che si compie nello spazio e nel tempo, nella società, nelle sue istituzioni [...]». F. Cambi, E. Frauenfelder (a cura di), La formazione, cit., p. 38.


«La Bildung è stato un modello per pensare la formazione, questa categoria reggente del pedagogico, ma anche sfuggente, complessa e sottoposta spesso a forti amputazioni, a rischiosi rattrappimenti e che solo una riflessione filosofica - e questa è la prima lezione che ci viene dalla pedagogia della Bildung - permette di ben possedere e ben controllare. [...] Si è trattato di un modello contro, prima di tutto: contro le pedagogie tecniche, parziali, separate dall'antropologia e risolte in chiave sociologica o politica o scientifica [...]. La Bildung ha dato alla pedagogia un modello per pensare la formazione centrandola sul soggetto e sull'oggetto contemporaneamente e sulla loro relazione dinamica e aperta. [...] In certo qual modo la Bildung ha riattivato - rinnovandola - la categoria della paideia, propria del mondo classico e valida ancora nelle società tradizionali, ma ormai obsoleta, tramontata in quelle moderne, che hanno altre direttive [...]».

F. Cambi, E. Frauenfelder (a cura di),  La formazione, cit., pp. 70-71.


F. Cambi (2001), La pedagogia generale oggi: problemi di identità, in F. Cambi, E. Colicchi, M. Muzi, G. Spadafora, Pedagogia generale. Identità, modelli, problemi, Milano: La Nuova Italia, pp. 34-35.

null
null
2

Editrice La Scuola © Tutti i diritti riservati

Informazione sulla presenza di Cookies*

A-Definizioni
La maggior parte dei siti utilizzano "cookie", vale a dire piccoli file di testo memorizzati sul dispositivo, che permettono di operare sul sito e di raccogliere informazioni riguardanti l'attività online.  Il testo all'interno di un cookie spesso prevede una stringa di numeri e lettere che identificano univocamente il computer dell'utente, ma possono anche contenere altre informazioni.
Per default quasi tutti i browser web sono impostati per accettare automaticamente i cookie.
L’articolo 5, paragrafo 3 della direttiva 2002/58/CE**, come modificato dalla direttiva 2009/136/CE, prevede l’esenzione dei cookie dall’obbligo del consenso informato se soddisfano uno dei criteri seguenti:
Criterio A: il cookie è utilizzato “al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica”.
Criterio B: il cookie è “strettamente necessari[o] al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio”.

I cookie sono spesso classificati in base alle loro caratteristiche:
1) “cookie di sessione” o “cookie persistenti”;
2) “cookie di terzi”.
Un “cookie di sessione” è un cookie che viene cancellato automaticamente alla chiusura del browser, mentre un “cookie persistente” è un cookie che rimane archiviato nell’apparecchiatura terminale dell’utente fino alla scadenza prestabilita (che può corrispondere a minuti, giorni o più anni nel futuro).
I siti La Scuola utilizzano cookies di terze parti legate al solo monitoraggio del traffico e cookie di sessione unicamente per i servizi erogati a docenti e studenti in relazione ai contenuti scolastici per consentire il riconoscimento degli accessi realmente autorizzati.
Per approfondimenti rimandiamo alla citata direttiva CE**.

B-Controlli del browser per bloccare o cancellare i cookie.
La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookie, ma permette di modificare le impostazioni del browser per bloccare i cookie. 
Se si accettano i cookie, è possibile eliminarli successivamente.  Le istruzioni per eliminare i cookie in altri browser sono disponibili in ogni informativa sulla privacy del browser.
Se si cancellano i cookie, le impostazioni e preferenze da questi controllati, comprese le preferenze pubblicitarie, verranno cancellate e potrebbe essere necessario ricrearle.
Controlli del browser per la protezione dal monitoraggio.
Alcuni nuovi browser hanno introdotto la funzionalità DNT. Molte di queste funzionalità, se attivate, inviano un segnale o una preferenza ai siti Web visitati indicando che non si vuole essere tracciati.

C-Controlli per la cancellazione dai messaggi pubblicitari.
Dato che i cookie possono essere utilizzati per diversi motivi, gli utenti che non vogliono ricevere messaggi pubblicitari mirati a livello comportamentale possono scegliere di accettare i cookie, ma di annullarne un particolare utilizzo. Le società pubblicitarie online hanno sviluppato linee guida e programmi per facilitare la protezione della privacy degli utenti, in cui sono incluse pagine Web che possono essere visitate per rifiutare esplicitamente la ricezione di annunci pubblicitari mirati da tutte le società partecipanti. Queste pagine includono:

  1. Assistenza Consumatori Digital Advertising Alliance (DAA): http://www.aboutads.info/choices/
  2. Pagina di cancellazione Network Advertising Initiative (NAI):http://www.networkadvertising.org/managing/opt_out.asp
  3. In Europa, è anche possibile visitare Your Online Choices: http://www.youronlinechoices.com/

D-Controlli di analisi terze parti.
Come descritto di seguito in dettaglio, molti siti Web e servizi online di e altre compagnie, utilizzano servizi di analisi terze parti con cookie e Web beacon per compilare statistiche aggregate relative all'efficacia delle campagne promozionali o ad altre operazioni del sito Web.  È possibile rifiutare la raccolta o l'utilizzo dei dati da parte dei provider di analisi facendo clic sui seguenti collegamenti:

  1. Omniture (Adobe): http://www.d1.sc.omtrdc.net/optout.html
  2. Nielsen: http://www.nielsen-online.com/corp.jsp?section=leg_prs&nav=1#Optoutchoices
  3. Coremetrics: http://www.coremetrics.com/company/privacy.php#optout
  4. Visible Measures: http://corp.visiblemeasures.com/viewer-settings
  5. Google Analytics: http://tools.google.com/dlpage/gaoptout (richiede l'installazione di un componente aggiuntivo del browser).

______________________
* Provvedimento del Garante per la Privacy dell’8 maggio 2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 dello scorso 3 giugno http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/3118884

**vedi: http://ec.europa.eu/justice/data-protection/article-29/documentation/opinion-recommendation/files/2012/wp194_it.pdf#h2-8).